La scelta dei mercati finanziari si amplia sempre di più rispetto al passato, e gli investitori hanno la possibilità di scegliere asset differenti tra loro: ma la comodità di usare lo strumento del trading online è scossa da una patologia, ovvero diventare dipendenti dal trading online.

Trading online, guadagnare senza dipendenza

Il Forex, ovvero il Foreign Exchange, è un mercato in cui avvengono scambi di coppie di valute diverse e di valore differente, ma all’interno di esso, come sanno bene i trader esperti, si trovano il mercato degli indici di borsa, accessibile facilmente non solo ai businessmen, bensì anche alle persone comuni, privati cittadini che, attraverso i cosiddetti contratti per differenza, hanno la possibilità di incrementare il proprio guadagno. Da non dimenticare, naturalmente, il mercato azionario e quello delle materie prime, oltre a quello delle opzioni e dei bond, forse i due meno sfruttati dai principianti. Invece, quello più gettonato risulta quello delle criptovalute, in quanto investire in una o più monete virtuali, ovvero Bitcoin, Ripple o quelle minori come Stellar, era certamente qualcosa di inusuale fino a pochissimi anni fa. Con l’evoluzione della società, si evolvono anche i prodotti finanziari, mettendo a disposizione degli iscritti un’offerta molto ampia e alcuni anche una buona guida al trading online. Ma esiste una zona d’ombra che rischia di degenerare e gettare nell’oblio l’investitore e la sua famiglia. Si tratta della dipendenza da trading online.

Dipendenza trading online, perché succede

La facilità di accesso al trading nei mercati finanziari può essere stimolante ed è per questo che sta attirando tantissime persone, con la speranza che possa risolvere i problemi economici e far guadagnare grosse somme con Internet. Anche la diffusione dei dispositivi mobili che hanno permesso la diffusione del trading online tramite smartphone o tablet attraverso applicazioni semplicissime da usare e soprattutto che illudono le persone di guadagnare subito delle somme stratosferiche, magari in una notte. A parte che queste piattaforme sono delle truffe che non solo non faranno incrementare i guadagni, bensì anche di non poter recuperare i soldi caricati sul conto deposito. Nonostante questo, il rischio di diventare dipendenti da questa attività sta diventando molto alto, in quanto, proprio come il gioco d’azzardo, diventa una specie di droga. Consultare la app apposita e avere sempre l’impulso di dover tradare a ogni costo può costare lavoro, famiglia e soprattutto le proprie risorse economiche.

Come non diventare dipendenti dal trading

La dipendenza da trading online nasce dalla convinzione che, almeno in teoria, si possano guadagnare soldi facili dal trading, cosa che non è assolutamente vera. Il problema principale è che si tratta di un business molto rischioso e altamente speculativo, e se non si sta attenti, si rischia di perdere molto di più dei soldi. Il pericolo maggiore si ha quando le cose iniziano ad andare bene e si incomincia a guadagnare. Pensano di aver trovato la gallina dalle uova d’oro e si scommette più delle proprie possibilità economiche. A lungo andare, si avrà un tracollo finanziario, perché i guadagni del trading online a uso personale non possono essere tali da giustificare un ritiro anticipato dal proprio lavoro. Ci saranno vani tentativi di recuperare le perdite e sconvolgeranno i rapporti familiari e intrapersonali, oltre a quelli lavorativi. Per sfuggire a questa chimera, meglio porsi dei limiti giornalieri al budget da spendere e cercare di darsi degli orari per il trading, proprio come si fa per i propri figli per regolarizzare la visione della TV o di giocare ai videogame.