Le vie di comunicazione fluviali Per i Francesi erano importanti tant’è che esse appartenevano al RE.Oggi essi conservano la loro importanza come mezzo di comunicazione, ma ha assunto anche un interesse per il turismo. Veramente alla portata di tutti; la condotta della house-boat è di una facilità estrema e la limitata velocità esclude qualsiasi rischio. I percorsi di crociera si avvalgono di tutta la rete di canali e fiumi navigabili che si estende soprattutto in Francia, Belgio, Olanda, Germania, Inghilterra ed Irlanda. In Italia, nella laguna Veneta e nel delta del Po. La Francia possiede una rete particolarmente ricca, di 8500 km di canali e fiumi che permettono di scoprire il paese nel modo più autentico, al ritmo del passaggio delle chiuse, con esperienze uniche come navigare sul Canale del Midi (classificato Patrimonio Mondiale dell’Umanità), il Ponte-Canale di Briare o il Plan Incliné di Arzwiller.
In Olanda piccoli canali, fiumi e laghetti rendono unico lo spettacolo naturale della provincia del Friesland. Per visitarla si può scegliere una house boat, una casa galleggiante con tutti i comfort, con cui percorrere parte dei 5.000 chilometri di vie navigabili. Lungo il percorso meritano una visita le cittadine di Sneek, Sloten e Leeuwarden, capoluogo della Frisia

Turismo Fluviale in Francia

Il Canale du Midi č il pił celebre canale del mondo. Progettato da Pierre Paul Riquet, la costruzione fu iniziata nel 1663 portato a termine nel 1680, la sua lunghezza navigabile č di 496 km. Collega l’atlantico al Mediterraneo.Il progetto fu considerato impossibile in quell’ epoca. Le asperitą del terreno che resero difficile la realizzazione del canale ne fanno oggi un’attrattiva, esaltandone la bellezza, attraversando delle belle colline all’ombra dei Pirenei, esso unisce due regioni l’Aquitania, e la Linguadoca.Il canale č conosciuto per i suoi ponti e per le sue chiuse ovali.Le pił grandi ed estese vigne di Francia ne fanno una cornice eccezionale. Il canale č stato dichiarato patrimonio dell’umanitą dall’UNESCO.
Ad Est, ad un giorno di navigazione troverete la cittį medievale di Carcassone e le sue mura fortificate . Oltrepassando l’acquedotto di Orbiel (1686) attraverserete gli affascinanti villaggi di Trebes, Marseillette, Puicherie fino a Homps. Il canale, delimitato dai platani, si snoda attraverso le vigne nel “pays Cathare” .
Ad ovest, una fermata é d’obbligo a Castelnaudary( che č sede di un reggimento della legione straniera) per una degustazione del suo famoso Cassoulet, proseguite poi fino al punto culminante del canale dove sorge il famoso obelisco di Paul Riquet in cima al Col di Naurouze che segue la linea di spartizione trį le acque dell’atlantico e quelle del mediterraneo.
Verso Toulouse, e il museo del Rugby e della storia del canale du Midi, il bastione del XIII secolo a Villefranche de Lauraguais ed infine una giornata di passeggiata nella cittį rosa : Toulouse.