Quando si parla di settore alimentare è impossibile non parlare dell’igiene degli alimenti e di HACCP, che rappresentano il fulcro del settore vero e proprio grazie al quale è possibile prevenire una serie di potenziali situazioni negative all’interno di un’impresa.

Il termine HACCP, che indica l’Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici, rappresenta un elemento fondamentale per quanto concerne il controllo degli alimenti, in quanto questo tipo di insieme di verifiche serve per valutare la qualità dei diversi alimenti e prevenire appunto che possano essere delle potenziali complicanze una volta che quell’alimento viene consumato da una persona.

Il suddetto tipo di verifica ha anche l’obiettivo finale di garantire il massimo grado di igiene durante la somministrazione di cibi e bevande.

Nei vari locali, infatti, tutto il personale deve essere a conoscenza delle normative relative alla conservazione, preparazione e ovviamente al metodo che contraddistingue la fase di somministrazione dei vari cibi preparati che vengono serviti.

Bisogna anche considerare il fatto che il sistema di controllo HACCP è disciplinata dal cosiddetto pacchetto igiene e dal decreto legislativo 193/07, nel quale viene spiegata tutta la procedura che consente di svolgere delle verifiche accurate sui diversi alimenti, garantendo quindi un risultato finale ottimale e la totale assenza di potenziali problematiche che possono minare alla credibilità dell’azienda, nonché far scaturire potenziali problematiche che vanno a influire negativamente sulla stessa ditta che opera nel settore alimentare.

Le varie verifiche relative all’HACCP riguardano: . rimuovere i potenziali problemi che si possono riscontrare nel momento in cui un alimento viene manipolato;

  • evitare che quell’alimento possa essere sottoposto a processi di contaminazione, specialmente nei suoi punti critici, i quali devono essere attentamente individuati;
  • scegliere le migliori procedure per limitare al massimo l’eventuale problematica che deriva appunto dalla contaminazione degli alimenti;
  • effettuare, dopo aver programmato accuratamente, le diverse verifiche che riguardano gli alimenti e bevande sottoposti a processi di manipolazione, sia che si parli di cottura oppure di trasformazione o confezionamento.

Pertanto l’igiene alimentare viene disciplinata dall’HACCP, argomento di corsi che periodicamente vengono organizzati e ai quali devono partecipare tutti coloro che operano nel settore alimentare.

Questo proprio per evitare che, durante una lavorazione, si possano palesare potenziali problematiche che hanno un impatto totalmente negativo sulla qualità del cibo somministrato, nonché creare potenzialmente delle situazioni che possono essere poco piacevoli da affrontare.

Grazie ai corsi HACCP, che devono essere affrontati periodicamente specialmente quando vi sono particolari aggiornamenti sulla normativa, ogni addetto del settore alimentare sarà adeguatamente formato e in grado di dimostrarsi professionale per l’impresa per la quale opera.

Qualora si voglia prendere parte a questo tipo di corso, baste rivolgersi all’impresa Saltech, che permette di affrontare un percorso formativo completo sotto ogni punto di vista, con tanto di rilascio dell’attestato di superamento del corso.